lunedì 15 settembre 2014

27° Biofera Canzo


Sabato sono stata alla 27° Biofera, una bellissima manifestazione organizzata nel contesto di Villa Meda in centro a Canzo (LC). 
La particolarità di questo evento è che gran parte degli espositori sono locali ed è stato bello scoprire le storie di aziende e di persone che con impegno e passione portano avanti progetti ecosostenibili.

Sono stata accolta all'ingresso da un grande mondo, tutto da abbracciare, l'associazione Ingaia ha presentato la fattoria delle coccole di Appiano Gentile e dimostrazioni di yoga della risata.

In contemporanea ci sono stati moltissimi incontri, conferenze e due aree dedicate ai bambini: una per i gli aspiranti pompieri e un'altra con bellissimi giochi in legno.



Per i più piccoli è stata creata un'area nanna, cambio, allattamento a cura dell'ostetrica Stefania Azzalini.


Tanti prodotti per i più piccoli e per la persona, li ho trovati da Ecoalternativa. Non solo pannolini e assorbenti lavabili ma tantissimi prodotti per le mamme e per la prima infanzia.

Per il pranzo ho optato per una crespella vegana zucca e porro seguita da un muffin vegano al cioccolato, da leccarsi i baffi!


Il dolce l'ho gustato insieme ad una tisana all'interno dello spazio creato dall'associazione Mantra di Cantù. Organizzano moltissimi corsi ed eventi.


Tantissimi sono gli espositori che hanno colpito la mia attenzione: partiamo dalla prima foto, una lana molto pregiata e un progetto, Vivilana, che ha salvato la Pecora Brianzola dall'estinzione.

Sono rimasta molto colpita dalle abili mani di Claudio Ghelardoni che con fili di rame e carte naturali da vita a fantastiche lampade e magie luminose.



Prossimamente mi devo invece munire di seedbom, vere e proprie bombe a mano per la Guerrilla Gardening. Sono delle palle di cellulosa con all'interno un cuore di terra e semi. Basta dell'acqua e germogliano, ovunque, per portare un po' di colore e natura nelle grige città. Potrete conoscere Simone e le sue opere green sul blog sirtorisimone.wordpress.com

Sempre parlando di fiori, l'azienda agricola Bio Roberta Capanna con minuziosa pazienza e passione coltiva e raccoglie fiori per trasformarli in ottime tisane, sale aromatico e prodotti di bellezza.


Mi sono avvicinata al mondo della liquirizia grazie a Liquiciok. Io amo la liquirizia e ho scoperto che dalla spremitura della radice si ottiene la pasta di liquirizia che viene poi utilizzata per realizzare liquori, pasticche e caramelle. La vera liquirizia pura è marrone od opaca e ha un sapore davvero avvolgente.


Un altro gusto incredibile, che mi ha fatto tornare bambina, è stata la pasta di olive taggiasche della Fattoria L'Aurora, mi è tornato in mente quando andavo al frantoio a comprare le olive e andava a finire che ne mangiavo sempre in grande quantità! 

Un simpatico gioco con un  chiodo mi ha attratta verso l'azienda Agricola Readaelli, produttori di patate biologiche, legna da ardere e cippato. 


Ho trovato una vasta gamma di prodotti cosmetici, realizzati dalle Monache cistercensi del monastero di Valserena. Prodotti a base di ingredienti naturali , frutto di tradizione e lavoro manuale.


Per finire, ancora gusto: marmellate che ho scoperto nascere dietro a casa. L'azienda agricola Val Sole produce confetture e succhi di piccoli frutti. Ho assaggiato quella di mirtilli ed era buonissima.Credo proprio che passerò presto a trovarli.

Sempre ad un passo da casa, ho trovato la Cascina Costa Antica che produce farro biologico, minestre sane e pronte in 20 minuti. Io ho assaggiato la minestra "broccolina" e mi è piaciuta davvero tanto.

Ho assaggiato creme e salse 100% vegane allo stand Le magie delle erbe. Tantissimi vasetti sia dolci che salati, tutti da provare.

Dopo questa grande carrellata posso solo ringraziare Ileana e tutta l'organizzazione delle fiera. E' stata una giornata di puro relax passata a curiosare e a chiacchierare con persone che, nonostante tutto quello che accade intorno, credono in quello che fanno e sanno trasmettere agli altri la loro passione.




6 commenti:

  1. Bellissima manifestazione! Avrei svuotato il portafogli tra lana e pasta di liquirizia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirlo a me! Avrei comprato tutto!

      Elimina
  2. quanta meravigliosa richhezza. E che fortuna avere vicino casa tutte queste opportunità... grazie per il ricco reportage!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una scoperta anche per me!

      Elimina
  3. sono arrivata qui attraverso il bruco... bel blog. Ti seguo e ti aspetto da me. Intanto continuo a sbirciare ;)

    RispondiElimina

Se ti va, lasciami un messaggio...grazie...e buona giornata!!!